changing landscapes 2

Alberto Ianiro > Il paesaggio parlante

Può un paesaggio essere lento? Godibile? Deve, si vorrebbe rispondere in coro. Soprattutto nelle piana dove il rincorrersi di vigneti e agricolture chiederebbe soste meditate. 
Eppure tutto è pensato in funzione della velocità. Ma all’interno di tutto questo c’è lentezza, molta lentezza e soprattuto nei parchi, nelle osai verdi che maculano le città e ne diventano luoghi meditativi e di aggregazione sociale. Se il paesaggio potesse parlare, chissà che direbbe.